Home > Frode informatica slot machine

Frode informatica slot machine

Frode informatica slot machine

La prima comma 6 è relativa ad apparecchi slot machine che producono vincite e per i quali è prevista l'emissione, da parte dell'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, di un nulla osta alla distribuzione e alla messa in esercizio. In tal caso, è tassativamente prevista l'instaurazione di un collegamento telematico tra gestore e pubblica amministrazione, che consenta di monitorare l'attività di gioco che lo Stato affida a terzi in concessione e di riscontrare le imposte effettivamente versate all'Erario. La seconda categoria comma 7 riguarda gli apparecchi di puro svago, che non erogano premi, incentrati sull'abilità del giocatore e assoggettati a imposte versate forfettariamente.

Inoltre, il numero di partite per ciascun giocatore era illimitato, con possibilità di vincite superiori al limite consentito per legge. L'adita Corte di cassazione ha sancito che, con " l'introduzione, in apparecchi elettronici per il gioco di intrattenimento senza vincite, di una seconda scheda, attivabile a distanza, che li abilita all'esercizio del gioco d'azzardo cosiddette "slot machine" , trattandosi della attivazione di un diverso programma con alterazione del funzionamento di un sistema informatico ", si ravvisano gli estremi del reato di frode informatica.

Nella lunga sentenza in commento, i giudici della Suprema corte hanno affrontato un ulteriore aspetto, sorto in considerazione del fatto che uno degli agenti del concorso di reato fosse un pubblico ufficiale o, più precisamente, " un incaricato di pubblico servizio ". Il quesito posto all'attenzione della Corte attiene al corretto inquadramento, per la fattispecie in esame, dei reati di frode informatica e di peculato.

Riprendendo la costante giurisprudenza in materia, i giudici di legittimità hanno affermato che si ravvisa il reato di frode quando gli artifici e i raggiri posti in essere dal pubblico ufficiale o da un incaricato di pubblico servizio sono antecedenti all'appropriazione fraudolenta del denaro o di un bene mobile spettante allo Stato: Nel peculato, invece, i termini della questione sono invertiti, perché il pubblico ufficiale ha già, per effetto del proprio ruolo, il possesso del bene o del denaro, che segna il momento consumativo del reato, mentre l'eventuale condotta fraudolenta serve solo per occultare il reato già consumato.

In altri termini, si ravvisa frode, e non peculato, quando il soggetto attivo pubblico ufficiale o incaricato di pubblico servizio , non avendo il possesso del denaro o di altra cosa mobile altrui oggetto di appropriazione , " se lo procuri in maniera fraudolenta, facendo ricorso ad artifici o raggiri per procurarsi un ingiusto profitto ". Alla luce di tali principi, la fattispecie in esame certamente configura il reato di frode informatica. Per effetto dell'alterazione, il gestore e gli incaricati di pubblico servizio finivano per trarre in inganno il Monopolio dello Stato, che non era messo nelle condizioni di poter riscuotere il tributo dovuto e, conseguentemente, potevano incassare e trattenere illecitamente la quota del 13,5 per cento.

Attualità e Politica Sogei: Attualità e Politica SuperEnalotto verso la nuova concessione: Estero Germania, gli operatori contro il trattato federale: Altri sport Eurolega, Milano-Fenerbahce: Estero Scommesse sportive Usa: Calcio Icardi-Inter, i bookmaker convocano Maurito: Vinci Casa VinciCasa: Attualità e Politica Gioco online, aggiornata la "black list" dei Monopoli: Gossip Isola dei famosi, Marina La Rosa in finale: Estero Scommesse sportive Usa: Calcio Icardi-Inter, i bookmaker convocano Maurito: Vinci Casa VinciCasa: Attualità e Politica Gioco online, aggiornata la "black list" dei Monopoli: Gossip Isola dei famosi, Marina La Rosa in finale: Scommesse Calcioscommesse: Ti potrebbe interessare DDL Isole minori, Camera: Giochi, Bologna: Sogei, l'ad Quacivi:

Cassazione, frode informatica (ma non peculato) per le slot truccate – alieno-di.aaronart.com

Risponde di frode informatica il responsabile di una sala giochi che, stati trasformati in vere e proprie slot machine, ossia apparecchi che. ROMA - Il gestore di slot machine che non versa il prelievo erariale unico utilizzando “escamotage” informatici, non commette il reato di. L'elemento distintivo tra il delitto di peculato e quello di frode informatica aggravata ai danni dello Stato è simile a quello fra il delitto di peculato. La Cassazione interviene sulle differenze tra frode informatica e danneggiamento informatico: il caso dell'alterazione delle slot machine. Slot con doppia scheda, Cassazione: 'È truffa, non frode informatica' irregolarmente apparecchi per gioco d'azzardo (slot-machines) che. L'alterazione del software della slot machine integra il reato di frode informatica e non quello di peculato. La Corte di Cassazione, V Sezione. La slot machine è nascosta nella "scatola" del videogioco», una Un'attività che però esclude il reato di frode informatica, mentre si è in.

Toplists